valbognanco.com
  • Benvenuti in Val Bognanco
  • Benvenuti in Val Bognanco
  • Benvenuti in Val Bognanco
  • Benvenuti in Val Bognanco
  • Benvenuti in Val Bognanco
  • Benvenuti in Val Bognanco
  • Benvenuti in Val Bognanco
  • Benvenuti in Val Bognanco
  • Benvenuti in Val Bognanco
  • Benvenuti in Val Bognanco
  • Benvenuti in Val Bognanco
 
Home - News
Notizie dalla Val Bognanco
Incidente mortale
AddThis Social Bookmark Button

 

BOGNANCO

Sabato 13 aprile, verso le ore 16,  un anziano signore del varesotto che frequentava spesso la valle Bognanco, scendendo la stretta e tortuosa strada che porta a Monticchio, in una curva è letteralmente volato fuori strada e rovinosamente caduto nella scoscesa scarpata per oltre cento metri.  Il suo nome è Rodolfo Cortese, classe 1925. Il rumore fragoroso della Renault Clio che si capovolgeva in mezzo alla boscaglia, ha interrotto il silenzio di un pomeriggio di primavera, nella bassa valle Bognanco. Sono subito intervenuti gli abitanti della Pianezza, la frazione più vicina al luogo dell’incidente, ma dato le circostanze, hanno immediatamente chiamato il Soccorso. Si è così messa in moto la macchina organizzativa e prontamente sul posto sono intervenuti  i volontari del Soccorso Alpino di Bognanco, i Vigili del Fuoco, i carabinieri, la Guardia di Finanza e gli uomini della Guardia Provinciale. Purtroppo per  l’anziano precipitato, non c’è stato nulla da fare ed è deceduto sul colpo. La salma è stata recuperata, dagli uomini del Soccorso Alpino, con non poche difficoltà, dato le condizioni del punto dove la vettura era precipitata. Nel punto dove è uscito di strada la vettura, non si vedono tracce di frenata e nemmeno rami rotti, ciò fa pensare che la macchina sia volata per almeno venti metri, prima di  schiantarsi al suolo e capovolgersi per numerose volte nel dirupo sottostante.

 

Giancarlo Castellano, collaboratore di ECO RISVEGLIO

 
Cartelli oscurati
AddThis Social Bookmark Button

 

BOGNANCO

Vai su e giù per la valle Bognanco ogni giorno e non ci fai caso ai vari cartelli pubblicitari in giro, poi un giorno ne trovi uno, poi un altro ed altri ancora, completamente oscurati con dei teli neri ed allora ti incuriosisci. Ti fermi e leggi cosa c’è scritto: “Insegna oscurata per tassa troppo elevata”. Cerchi di ricordare cosa c’era scritto sotto a quei teli neri e poi ricordi; in uno: “Benvenuti a Bognanco” in un altro: “biglietteria”, in un altro ancora: “Acque Minerali e Terme di Bognanco”
In paese, questa provocazione, fa un po’ sorridere e  nello stesso tempo anche discutere. Il sindaco  dice che i prezzi delle pubblicità,  tra l’altro applicati in misura minima (euro 11,36 al metro quadrato ndr), sono fermi al 1995 e  da quella data quindi, non sono mai stati aumentati.

 
Comitato Bognanco 150
AddThis Social Bookmark Button

 

BOGNANCO

Comitato Bognanco 150La primavera è arrivata! Sì, solo sul calendario però!
In valle è ancora inverno ed i rifugi, ospitano ancora gli amanti della neve, delle passeggiate con le ciaspole e dello sci alpinismo. La strada per San Bernardo è sempre ben praticabile, grazie all’impegno del comune e la lunga coda delle macchine posteggiate a bordo strada nei fine settimana, dimostra quanto questa valle sia gradita agli appassionati della montagna in tutte le stagioni dell’anno.
C’è comunque chi, già non pensa più all’inverno e lavora per la imminente stagione estiva; è il Comitato Bognanco 150, impegnato ad organizzare gli eventi e le manifestazioni in programma per i festeggiamenti del 150° anniversario dalla scoperta delle acque minerali (1863-2013).

 
Un nuovo Papa
AddThis Social Bookmark Button

 

DOMODOSSOLA

 

Alla gente di Bognanco, piace questo nuovo Papa.
Rita Barcella di Bacinasco è a dir poco entusiasta: «Mi piace moltissimo. Mi è piaciuto subito per la sua semplicità».
A Beatrice Pellanda piace perché: « E’ umile e parla alla gente con umiltà». Piace anche a Mariangela Baiettini della Pianezza: «E’ molto semplice; alla buona e poi  mi piace anche per  il fatto che si è tolto quella croce d’oro ed ha messo una semplice croce in ferro». Gianluca Paglino di Campeglio: «Sì mi piace molto. E’ fuori dagli schemi e dai riti che ci hanno sempre fatto vedere. Mi piace il suo modo di rapportarsi con la gente».
Questo il parere dei bognanchesi sul nuovo Papa.

 
Un secolo fa a Bognancodentro
AddThis Social Bookmark Button

 

BOGNANCO

 

Succedeva più o meno  un secolo fa a Bognancodentro.

Sfogliando i vecchi giornali, si legge sul Popolo dell’Ossola del 24 febbraio 1912:

“Quanti matrimoni!
A memoria d’uomo forse  non si son mai avuti tanti matrimoni colla coincidenza di tante parentele come in questa prima parte d’anno.
Eccoli:
Scrimaglia Ernesto con Pianzola Elisabetta
Della Bianca Severino con Della Bianca Maria
Della Bianca Pietro con Casetti Sofia
Possa Giacomo con Darioli Ernesta
Casetti Casimiro  con Pianzola Angela
Casetti Clemente con Pianzola Lodovica
Casetti Giuseppe Antonio con Croppi Anna Maria
Pellanda Defendente con Della Bianca Lucia.
Ma non finisce qui, perché nel numero successivo, il giornale fa una puntualizzazione ed aggiunge:
“Veramente il corrispondente del Popolo dell’Ossola del 24 febbraio scorso è incorso in alcune involontarie omissioni perché la lista degli sposi è ancora più lunga: perciò ripareremo alla dimenticanza, ciò per non fare torto a nessuno.
Ecco gli sposi da aggiungere:
Pellanda Remigio con Casetti Aurelia
Previdoli Ernesto con Darioli Emerita
Villa Giacomo con Chiabotti Luigia.”

La curiosità e lo si può intuire dai cognomi, sta  nel grado di parentela certa di alcuni  soggetti, oltre ovviamente al numero elevato  di sposi, in un così breve  periodo dell’anno.

 

Giancarlo Castellano, collaboratore di ECO RISVEGLIO

 
International Ski Tour
AddThis Social Bookmark Button

 

BOGNANCO

Sabato 02 marzo era una bella giornata. In Alta Valle Bognanco si è svolta  la sesta ed ultima tappa dell’International Ski Tour Campionato delle valli Sesia, Ossola, Verbano e dei due Cantoni svizzeri, Vallese e Ticino.
Praticamente una festa! Un mondo speciale di gente appassionata, non solo di sci alpinismo; di tutto l’ambiente che circonda questo sport.
Già durante i preparativi della partenza, si sentivano i discorsi, le battute scherzose. Si vedevano sui volti degli atleti pronti alla partenza, i sorrisi di chi si sta cimentando in una grande fatica, con assoluta tranquillità.

 
Cervo in strada
AddThis Social Bookmark Button

 

BOGNANCO

Non è cosa di tutti i giorni, ma a volte succede. La settimana scorsa, a bordo  strada, in località Fonti, ho incontrato un cervo stranamente sdraiato per terra. Ho prontamente fermato la macchina e mi sono avvicinato all’animale per osservarlo meglio. Anche lui mi osservava.  Impaurito e con due occhioni immensi, ma non si muoveva. Poveretto, non si poteva muovere! Ho capito che era ferito ed aveva bisogno di aiuto. Ho così chiamato la Polizia Provinciale (ci sono due numeri telefonici di reperibilità ai quali rispondono 24 ore al giorno; per la zona nord (Ossola) 335 59 85 400 e per la zona sud (Verbano e Cusio) 335 59 85 401.

 
Felice Darioli
AddThis Social Bookmark Button

 

BOGNANCO

Dall’inizio di quest’anno, Felice Darioli, non è più il Capo della Decima Delegazione del Soccorso Alpino Valdossola. Dopo 15 anni di ininterrotto impegno e dopo quattro mandati, ha preferito cedere il comando a qualcuno più giovane. Questo qualcuno è Matteo Gasparini che avremo modo di conoscere meglio più avanti. Ora  parliamo con Felice Darioli, classe 1947, di origini bognanchesi  al quale chiediamo di raccontarci un po’ della sua vita.
«La mia vita? Non so se potrà  interessare a qualcuno». Dice sorridendo.
Sentiamo.  Se non sa da dove iniziare, parta pure da quando viveva a Graniga…

 
Tra boschi, dirupi, animali e bracconieri
AddThis Social Bookmark Button

 

BOGNANCO

Riccardo MaccagnoVenerdì 4 gennaio, presso il centro Guido Prada di San Lorenzo, Riccardo Maccagno,  noto guardiacaccia provinciale, di origini bognanchesi, ha presentato il proprio libro: “Tra boschi, dirupi, animali e bracconieri”. Un opera voluta dallo stesso per cercare di spiegare alcuni retroscena circa l’attività svolta del guardiacaccia. Una attività per molti sconosciuta e forse, ingiustamente, poco apprezzata.
Molte le persone intervenute alla presentazione, fra i quali  Raffaele Marini, noto fotografo ligure ed appassionato di montagna e lo svizzero Venanzio Terribilini, ex capo delle guardie caccia e pesca del Canton Ticino.

 
Presepe vivente in val Bognanco
AddThis Social Bookmark Button

 

BOGNANCO

Come una volta...La valle Bognanco, ha vissuto sabato 5 gennaio una giornata davvero magica ed emozionante.

Per la prima volta si è svolta in valle la rappresentazione della natività. San Lorenzo, il luogo scelto  come palcoscenico naturale ed i soci del CAI di Carate Brianza, vicino Milano  (oltre cento),  i personaggi in costume.
Il Comitato Alta Valle, con Pro Loco, Parrocchia e donne in costume, hanno organizzato numerose  scenografie e così, sul percorso scelto,  si sono aggiunti una cinquantina di figuranti bognanchesi e non, che si sono esibiti svolgendo antichi mestieri ed attività di vita quotidiana, ormai scomparse.

 
Amarcord - Il Natale dei nostri nonni
AddThis Social Bookmark Button

 

BOGNANCO

 

A Pizzanco, in alta valle Bognanco (1142 m. s.l.m.) 75 anni fa, nevicava e faceva freddo, proprio come adesso.  Solo il Natale  era un po’ diverso. Forse.
A raccontare il  Natale di allora sono le sorelle Ernesta Della Bianca, classe 1933 e Maria Della Bianca, classe 1928, nate e cresciute  nel paese degli alpigiani, detti “i casaroi”.
«Non c’era la strada e si andava a piedi sulla vecchia mulattiera fino giù a San Lorenzo, per  la messa di mezzanotte. Eravamo una bella squadra, a Pizzanco in quegli anni abitavano sicuro 70/80 persone, anche in inverno  e quando rientravamo a casa, mettevamo  “di squilit” (delle scodelle), in bella vista e vicino alla porta di entrata, perché sapevamo che Gesù Bambino, allora non si parlava di Babbo Natale, entrava dal buco della chiave e ci avrebbe messo dentro i regali.

 
Festa della banda e della corale
AddThis Social Bookmark Button

 

BOGNANCO

La bandaL’aria fuori, faceva volare sulla piazza le note degli  strumenti della Banda; la chiesa dentro, diffondeva fra i banchi la voce intonata della Corale. Due realtà bognanchesi ultracentenarie che hanno festeggiato sabato  8 dicembre Santa Cecilia. La popolazione, come sempre e quest’anno forse, più di sempre, si è unita alla festa della banda e della corale. Una esposizione di vecchie fotografie, nella chiesa di San Lorenzo, riferite alla corale, hanno fatto ricordare a molti, sani momenti di gioventù quando, negli anni settanta, don Luciano Piumarta, volle creare una nuova formazione di canto. Lorena Bagnasco, dal 1979 anima della Corale, ha voluto questa mostra fotografica che resterà aperta in chiesa per tutto il periodo delle festività natalizie.

 
Assemblea annuale Sci Club
AddThis Social Bookmark Button

 

BOGNANCO

Gruppo Sportivo BognancoIl giorno 01 dicembre, presso la Locanda Rossi di Bognanco San Lorenzo si terrà l’annuale assemblea ordinaria dello Sci Club – Gruppo Sportivo Bognanco. L’inizio dell’incontro è previsto  alle ore 19, con il seguente ordine del giorno:
Saluto del presidente; relazione finanziaria; relazione tecnica; approvazione bilancio 2012; tesseramenti F.I.S.I. anno 2013; presentazione Sci Alpinistica “Tour del Monscera” 2013; rinnovo consiglio direttivo quadriennio 2013-2016.
Al termine dell’assemblea,  prevista per le ore 20, si svolgerà la cena sociale al prezzo di euro 28.
Per prenotazioni, rivolgersi entro il 29 novembre a Franco Charbonnier tel. 0324 240418, oppure Fabrizio Maccagno tel. 0324 243990.

 

 

Giancarlo Castellano, collaboratore di ECO RISVEGLIO

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 16