La fioritura del parco a Bognanco Fonti, non sa che le restrizioni Covid, impongono ancora la chiusura di tutti i centri termali e così chi si ritrova nella piazza antistante l’entrata del parco, può ammirare, anche se ancora tutto chiuso, una incredibile esplosione di colori e di fiori come solo la natura può dare.

«Apriremo, stando agli ultimi aggiornamenti del Governo – dice Halarabos Melenos, titolare delle concessioni acque minerali – solo ai primi di luglio e, se escludiamo qualche fine settimana durante la scorsa estate, è dal mese di febbraio 2020 che siamo chiusi».

Ma il Governo, in qualche modo, vi ha dato degli aiuti?

«Al momento, non abbiamo ricevuto alcun ristoro».

E per quanto riguarda le acque minerali?

«Si continua, anche se stiamo subendo ovviamente un calo delle vendite, in conseguenza della chiusura prolungata dei locali pubblici ed in più, si è aggiunto il fatto che le grosse aziende, solitamente concentrate a vendere le bevande, principalmente nei bar e nei ristoranti, ora si dedicano anche a vendere l’acqua minerale ai privati. C’è di buono che in zona, il nostro negozio “Acque Bognanco” di Villadossola, funziona molto bene e facciamo, su richiesta, anche un servizio a domicilio».

Ed il parco? Ho visto che ci sono incredibili fioriture naturali all’interno…

«Sì, in questo mese di maggio apriremo l’ingresso per consentire a tutti di entrare nel parco a bere le acque ogni giorno all’interno del padiglione Carlo Angela (ex Musso ndr) e poi, speriamo che il Governo consenta l’apertura definitiva anche dei centri termali, da troppo tempo ingiustamente penalizzati».

Già, che storia questa dei centri termali obbligati a tenere chiuso inspiegabilmente per così tanto tempo. Un patrimonio unico e raro che pur giovando alla salute di tutti, in questo tempo di covid, lo hanno costretto a rimanere in gabbia.

Giancarlo Castellano, collaboratore di ECO RISVEGLIO


Chi è online

Abbiamo 398 visitatori e nessun utente online