L'intervento sulla cima più alta di Bognanco

Foto StraciugoSabato 27 giugno, il Pizzo Straciugo (2712 m . s.l.m.), è diventato più alto di almeno un paio di metri grazie ad un gruppetto di amici del Rifugio Alpe Laghetto, del Soccorso Alpino di Bognanco e del Team La Veia Sky Race (trofeo Giampiero Bragoni) che, su proposta del Cai di Arsago Seprio, ha voluto ripristinare l’ometto, da sempre esistito sulla cima, inserendo anche la custodia per il libro vetta ed una targa, come già fatto sulle altre cime della valle.

«Quest’anno festeggiamo i 25 anni del Cai di Arsago - ha detto Pierluigi Poletti, Socio Fondatore – e per l’occasione, abbiamo deciso di organizzare venticinque eventi durante tutto l’anno ed uno di questi  è appunto il ripristino dell’ometto in cima allo Straciugo con l’inserimento  della custodia per il libro vetta».

FOTO StraciugoNella terra fertile della valle Bognanco, quando si lancia un seme è difficile che poi non cresca qualcosa di buono ed anche in questo caso,  sentita la proposta, si è mobilitato immediatamente il Team La veia Sky Race ed il gruppo del Soccorso Alpino che insieme hanno consolidato l’amore per la montagna e , come ha detto il presidente del Team Fabrizio Lorenzi, «condiviso l’entusiasmo del progetto».

Alessandro Bragoni, vice presidente, ha voluto rimarcare l’importanza di  questa iniziativa in quanto ha detto:  «Uno degli scopi principali della nostra associazione, è quello della promozione turistica e questa realizzazione rispecchia pienamente i nostri obiettivi. Una splendida cima come il Pizzo Straciugo, che è la vetta più alta della valle Bognanco, meritava questo riconoscimento».

 

Giancarlo Castellano, collaboratore di ECO RISVEGLIO


Miscellaneo

Chi è online

Abbiamo 359 visitatori e nessun utente online