BOGNANCO

 

Proprio in questi giorni si chiudono le liste dei candidati per governare i tanti piccoli comuni ossolani. Bognanco compreso. E non mancheranno le sorprese. Ma avremo modo di parlarne nelle  prossime settimane. Adesso soffermiamoci sulla paventata idea  di unire i comuni di Bognanco  con Domodossola.

Abbiamo trovato articoli di giornali del 1934, dove già si auspicava l’unione e già allora si parlava di benefici per entrambi i comuni. E già allora qualcuno era favorevole ed altri no. Proprio come oggi.

 

Fiorenzo Possa di Messasca ad esempio è convinto che Bognanco deve rimanere autonoma. « Ma se ci venisse imposto dall’alto – dice - allora uniamoci con Domo».

Per Carlo Grossi di S. Lorenzo invece, la soluzione è un'altra. «Bognanco da sola. Sempre. Assolutamente! E se l’unione fosse un obbligo, ci si deve unire con un comune piccolo, non certo con Domo».

Italo Darioli di Graniga è perplesso. «Mha!... - risponde - i problemi che ha Bognanco, un piccolo comune montano, non potrà certo risolverli una città come Domodossola».

Abbiamo chiesto un parere anche a Mario Festinoni di Domodossola che  alla domanda risponde corto e schietto. « Domo non riesce a risolvere i propri problemi, figuriamoci se si dovesse prendere anche quelli della valle Bognanco».

Siamo nel 2014 ed in questi ottant’anni Domodossola è sicuramente diventata più grande, ma non ha più una realtà industriale. Bognanco, dal 1934 ad oggi, ha perso  più di  mille posti letto e decine di migliaia di presenze. Domodossola vorrebbe confermarsi regina dell’Ossola e Bognanco, oltre alle acque minerali, da qualche anno ha scoperto di essere apprezzata anche per la naturale bellezza dell’Alta Valle. Soluzione? Investire nel turismo; unico sbocco per vivere. Domodossola sicuramente, unendosi con Bognanco centrerebbe l’obiettivo, mentre per la valle Bognanco, l’unione con Domo, significherebbe – forse – perdere un po’ della propria identità. Se però si sfruttasse al meglio questa discussa unione, ne ricaverebbe indubbi vantaggi sul piano della promozione turistica.

 

Giancarlo Castellano, collaboratore di ECO RISVEGLIO


Miscellaneo

Chi è online

Abbiamo 370 visitatori e nessun utente online