Il futuro di Bognanco

 

BOGNANCO

Un incontro importante che da tempo in valle si chiedeva,  tenutosi la metà del mese scorso, ha avuto come primo straordinario risultato immediato: il confronto diretto fra tutte le forze in campo. Presenti all’incontro, l’intera Giunta comunale, l’imprenditore Halarabos Melenos ed il rappresentante degli albergatori, Fabio Pizzicoli. Argomento principale sul tavolo?

Il futuro di Bognanco.

«Non ci siamo trovati per discutere su cosa fare la prossima stagione turistica – ha detto Fabio Pizzicoli,  albergatore e presidente della Associazione Turistica in Valle Bognanco – ma per costruire la Bognanco del futuro».

Anche il proprietario delle acque minerali di Bognanco crede che l’unione dia maggiore forza alla valle. « Dobbiamo intervenire con azioni concrete – ha detto  Halarabos Melenos -  in tutta la valle; dal ponte di Mocogna fino su al Monscera ed il comune deve esserci, davanti a tutti, per poter ottenere contributi regionali favorevoli».

A settembre  dello scorso anno, è stato presentato in comune un documento con le idee che gli operatori turistici locali, hanno ipotizzato per il futuro della valle Bognanco.
«E’ proprio su questo tema – interrompe Pizzicoli – che abbiamo voluto e Melenos più di tutti, l’incontro con il sindaco e gli albergatori. Per avviare la seconda fase, ovvero quella operativa. Una fase che prevede tre programmi: Benessere, Natura  e Sport.
A Bognanco – prosegue il rappresentante degli albergatori -  esistono diversi punti di forza.

La tradizione della ospitalità. Un territorio vasto, con molteplici caratteristiche ed amministrato da un unico comune. L’esistenza di un patrimonio immobiliare notevole che ha bisogno solo di qualche adeguamento.

E poi non dobbiamo dimenticare che questo territorio ha un micro clima unico, dove a 700 metri, si respira aria che in altri posti la si trova solo sopra i mille e dove l’anziano può soggiornare tranquillamente. Abbiamo pronte - prosegue Fabio Pizzicoli –  offerte di vacanze con intere giornate da dedicare alla conoscenza della flora e della fauna presente sulle nostre montagne e possiamo agire senza perdere troppo tempo – conclude il presidente della Associazione Turistica – poiché finalmente abbiamo una amministrazione comunale che dimostra di volere ascoltare i giovani imprenditori e ritiene indispensabile investire risorse sul capitolo del turismo».

Su questo argomento, il comitato alta valle, ha già avviato uno studio per collocare sul percorso “Giro dei Rifugi”  dei cartelli esplicativi, sopportati da materiale pieghevole per far conoscere l’immensa ricchezza naturale della valle.

«Nuovi investimenti, hanno portato nuove presenze turistiche in tutta la valle – ha concluso Gianluca Tanzarella, proprietario dell’albergo Edelweiss e su questa strada dobbiamo continuare. Tutti quanti insieme».

 

Giancarlo Castellano, collaboratore di ECO RISVEGLIO

 


 

Mappe dei sentieri

Manifestazioni

Febbraio 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28

Miscellaneo

Chi è online

Abbiamo 136 visitatori e nessun utente online